Seleziona una pagina

Stai per arredare casa e non sai come muoverti? Hai un’idea per arredare la cucina dei tuoi sogni, ma non sai se sia compatibile con la possibilità di realizzazione? Scegliere di affidarsi a dei professionisti dell’arredo è la prima mossa vincente. Infatti, per quanto tu possa essere appassionato di design e abbia un buon gusto nell’arredare, la tua visione è sempre parziale rispetto a chi ha una specifica esperienza nel settore. Se poi sei alla ricerca di un’azienda che si occupi di arredi ad Arezzo, visita Arredamenti Magari Marino e leggi quanto segue.

La cucina è l’ambiente per eccellenza di ogni casa. Non solo infatti rappresenta lo spazio maggiormente vissuto (e dunque il più sottoposto ad usura) ma anche il punto in grado di catalizzare l’attenzione di chiunque, che si tratti di chi ci vive o di ospiti. Per dare armonia ad una casa, devi dunque preoccuparti in primis di arredare al meglio la tua cucina, non tralasciando nessun particolare.

Ma sarà meglio una cucina lineare o una strutturata su due lati? Vuoi optare per uno stile tradizionale o osare con una cucina in muratura? Sono tante le soluzioni offerte dal mercato; sta di fatto che l’obiettivo primario di chiunque si approcci a comprare una cucina è legato alla sua più completa funzionalità. In una cucina bisogna sapersi muovere con facilità, disponendo dei piani di lavoro giusti, di elettrodomestici posizionati in modi e punti strategici. Insomma, una cucina deve essere completamente vivibile.

Analizziamo insieme le soluzioni più conosciute.

CUCINA LINEARE

Gli amanti della semplicità così come quelli che non amano rinunciare alla tradizione, scelgono solitamente una cucina lineare. Premesso che esistono anche tantissime cucine moderne dalle forme però tradizionali, non ti resta che premurarti di capire se sia effettivamente realizzabile. Gli allacci del gas e dell’acqua devono infatti essere posizionati correttamente: solo allora puoi pensare a dove posizionare piano cottura e lavello, i veri punti strategici della cucina. Tenendo sempre ben presenti le misure disponibili in lunghezza e in altezza, devi pensare ai continui spostamenti che farai per lavare, cuocere e in genere provvedere ai vari lavoretti in cucina. Se li poni nei punti giusti, riuscirai a fare tutto agevolmente.
Diversi anni fa, si era soliti posizionare il forno in basso. Oggi, grazie alla colonna forno o alla colonna forno/micro-onde, puoi scegliere di metterlo ad altezza uomo o all’altezza a te più congrua.
Lo spazio, in termini di capacità di contenimento dei pensili, è un altro fattore da non sottovalutare. Puoi sceglierne di media lunghezza, lunghi o molto lunghi, per un massimo di circa 130 centimetri: un buon consulente d’arredo sarà in grado di indicarti la soluzione più adatta.
Un altro particolare dove di solito ricade l’attenzione è la cappa. Ce ne sono davvero tante in commercio, da quelle più classiche a quelle più moderne e di design, addirittura cappe domotiche e, per chi non le preferisce visibili, posizionabili all’interno di un pensile.

CUCINA SU DUE LATI

Se disponi di uno spazio molto ampio o di due o più pareti attigue, puoi scegliere la cucina su due lati. L’ambiente ne verrà fortemente dinamizzato e potrai giocare ad arricchire gli angoli, sfruttando la perpendicolarità dei due lati. Puoi scegliere ad esempio di mettere il lavello su un lato ed il piano cottura su un altro, in modo da differenziare le funzioni e rendere più snelle le tue operazioni.
Inoltre, inserendo una colonna forno garantirai all’insieme una maggior resa estetica, sottolineata anche da un’adeguata organizzazione degli spazi destinati alla dispensa. Un’altra chicca è offerta dalla possibilità di aggiungere dei mobili ad estrazione, utili ad esempio per collocarvi olio, aceto, contenitori per aglio e cipolla, e così via.
Infine, l’ergonomia sarà anche garantita dalla posizione che vorrai riservare al frigorifero che, visti i modelli di ultimissima generazione, potrebbe essere un vero e proprio pezzo di design.

CUCINA CON ISOLA O PENISOLA

La cucina con isola o penisola rappresenta sicuramente una delle scelte più contemporanee e visivamente d’impatto. Parole d’ordine? Ambiente ampio e ottimizzazione dello spazio di lavoro. Di certo si può immaginare di strutturare un’isola anche all’interno di una cucina non grande, ma probabilmente ne risentiresti dal punto di vista della fruibilità.

Con un’isola distaccata dai vari piani, puoi muoverti in estrema libertà, soprattutto se la scegli come elemento operativo per preparare i pasti. Una delle soluzioni più accreditate è quella che vede l’accostamento di un lavello e di un piano cottura.
Un’alternativa altrettanto valida è quella di usare l’isola come un tavolo aggiuntivo, lasciandola dunque libera da qualsiasi elemento.


La
cucina con penisola potrebbe essere utile per chi vuole un elemento di separazione ma anche un semplice piano snack per pasti veloci. Per non chiudere troppo l’ambiente, qualora non si tratti di un open space, bisogna capire però come renderla funzionale. In molti scelgono questa soluzione per adibire la parte bassa alla dispensa di pentole e stoviglie; altri invece lo preferiscono come elemento distintivo, da arricchire come se fosse un mobile da soggiorno.